Uzbekistan: 2-12 maggio 2024

Uzbekistan: Viaggio Fotografico

Viaggio scoperta delle città-capolavoro della Via della Seta

DATE

2-12 Maggio 2024

DURATA

10 giorni – 9 notti

PREZZO

3300,00 €

POSTI

10 posti

Uzbekistan: Viaggio Fotografico

Il viaggio attraversa gran parte del territorio dell’Uzbekistan lungo le città più importanti che un tempo erano punti centrali della via della seta. Tra bazzar di altri tempi e palazzi di spettacolare bellezza e valore artistico nel cuore di Samarcanda, Khiva, Bukhara e Tashkent.

Viaggeremo usando sia i treni ad alta velocità che fuoristrada con autista privato, andando alla scoperta delle infinite opportunità fotografiche che questo paese può offrire, tra architettura, paesaggio e, soprattutto, reportage . Il viaggio è pensato per un massimo di 10 partecipanti. Le temperature in maggio sono miti e piacevoli, con punte di caldo nelle ore centrali del giorno, e temperature fresche nelle ore serali.

È inoltre suggerito viaggiare leggeri e con una borsa morbida per semplificare le operazioni di carico-scarico bagagli nei trasferimenti.

Per entrare in Uzbekistan è sufficiente il passaporto Italiano in corso di validità. Non è necessario richiedere visti.

Di seguito il programma indicativo delle giornate di viaggio

N.B. Il programma può subire variazioni nell’ordine delle attività per ragioni di ordine logistico o dipendenti dalle condizioni meteo e di sicurezza locali. Nel caso peggiore, alcune attività o escursioni potranno essere cancellate o ridotte in durata. In nessun caso sarà previsto un rimborso per cancellazioni o variazioni dovuti a fattori meteorologici. Si consiglia di stipulare una polizza di assicurazione medico bagaglio che protegga anche contro eventuali maggiori spese causate da eventi atmosferici o incidenti di percorso.

Il PROGRAMMA DEL VIAGGIO

Viaggio in Uzbekistan

2 Maggio

Benvenuti in Uzbekistan

Partenza serale dall’aeroporto di Milano Malpensa con voli di linea Turkish Airlines TK 1876 delle ore 19:45 per Istanbul. Arrivo alle ore 23:40 locali e coincidenza con volo di linea Turkish Airlines TK 368 delle ore 00:55 (del giorno venerdì 03 maggio) alla volta dell’Uzbekistan.

Pernottamento a bordo

3 Maggio

Tashkent

Arrivo al mattino a Tashkent capitale dell’Uzbekistan. Disbrigo delle formalità doganali e d’immigrazione. Incontro con la vostra guida locale parlante lingua italiana e trasferimento con automezzi privati in città. Check-in anticipato in hotel e riposo. Più tardi, in giornata, incontrerete la vostra guida per esplorare la città con automezzi privati

I punti salienti della giornata:

Vista della città

Visita esterna del Teatro Alisher Navoi

Visita del complesso commemorativo Shahid

Visita del Moschea Minore

4 Maggio

Tashkent

Alla scoperta di Tashkent

Anche se oggi non sembra, Tashkent è una delle città più antiche dell’Uzbekistan. Le pitture rupestri sulle montagne Chatkal, a circa 80 km di distanza, dimostrano che l’uomo è qui forse dal 2000 a.C. Nel II secolo a.C. la città era conosciuta come Ming Uryuk. Importante crocevia di carovane, fu conquistata dagli arabi nel 751 e da Gengis Khan nel XIII secolo. Tamerlano vi banchettò nel XIV secolo e i khan Shaibanidi nel XV e XVI. L’Impero russo arrivò nel 1865 e l’Uzbekistan tornò a essere un Paese autonomo nel 1991.

Visita esterna del Teatro Alisher Navoi

Alisher Navoi, che visse e scrisse alla fine del XV secolo, è il poeta più amato dell’Uzbekistan. Il Teatro dell’Opera e del Balletto Navoi è stato costruito nel 1947 da prigionieri di guerra giapponesi e comprende sei foyer che rappresentano le principali città dell’Uzbekistan. Ogni foyer è decorato in modo diverso, utilizzando gesso intagliato e dipinto (ganche), sculture in legno e affreschi.

Complesso commemorativo Shahid

Il complesso Shahid onora i martiri innocenti (shahid) uccisi durante le purghe di Stalin nel 1938. La rotonda a cupola blu e la fontana che segna le loro tombe sono immerse in un’area verde attraversata da un canale.

Moschea Minore

Inaugurata nel 2014, la Moschea Minore in marmo bianco è il più recente luogo di preghiera di Tashkent. Modellata sul modello delle antiche moschee e madrase del Paese, l’esterno è stato decorato con brillanti piastrelle blu, mentre la massiccia sala di preghiera circolare all’interno contiene un ornato mihrab placcato in oro (una nicchia che mostra la direzione della Mecca) adornato con testi del Corano

Piazza dell’Indipendenza

La storia di P.za Indipendenza (Mustakillik Maydoni) si rivela nei diversi nomi che ha assunto nel corso della sua esistenza. In origine chiamata P.za della Cattedrale, in onore della cattedrale ortodossa costruita qui da Konstanin Kaufman, il primo governatore generale russo del Turkestan, divenne P.za Rossa nel 1917. Nel 1966 fu designata P.za Lenin e solo nel 1992 divenne P.za dell’Indipendenza. Si entra nell’ampia piazza simile a un parco attraverso un arco argentato abbellito da cicogne bianche. Il globo dorato del Monumento all’Indipendenza, costruito nel 1991, si trova sopra la statua di 20 piedi della Madre Felice, che guarda amorevolmente il suo bambino, il futuro dell’Uzbekistan. Tra le fontane e le aiuole, altre figure materne, attendono i loro figli attorno a una fiamma eterna che onora gli uzbeki morti durante la II Guerra Mondiale.

Visita esterna del palazzo del Granduca Romanov

Il Palazzo Romanov, nel centro di Tashkent, fu commissionato nel 1891 dal Granduca Nicola Constantinovich, nipote di Nicola I. Il Granduca era stato esiliato a Tashkent da giovane nel 1874 e vi trascorse il resto della sua vita. Il palazzo, costruito in stile “moderno” in mattoni color miele con archi e cupole, alla morte di Nicola divenne un museo d’arte. Attualmente appartiene al Min. degli Affari Esteri e di solito è chiuso al pubblico.

Strada Pedonale di Sayilgoh

La Broadway St. del centro nota come Sayilgoh e precedentemente Karl Marx St. è un’energica via dedicata interamente ai pedoni, costeggiata non solo da negozi di abbigliamento, gallerie d’arte e ristoranti, ma anche da uzbeki che vendono oggetti d’antiquariato, dipinti, oggetti d’artigianato e un’ampia varietà di prodotti e cibi da asporto. A qualsiasi ora del giorno si possono trovare artisti di strada che attirano la folla, mentre la sera è un luogo vivace dove osservare la gente del posto che passeggia, bambini che giocano e tutti che parlano e mangiano. Al calar delle tenebre, i fari sporgenti si accendono, illuminando la passerella con una luce soffusa e aggiungendo un’atmosfera deliziosa alla serata

5 Maggio

Samarcanda

Prima colazione in hotel. Quindi check-out dall’hotel, incontro con la guida e trasferimento alla stazione ferroviaria di Tashkent per la partenza del treno n° 760 Afrosia (alta velocita) delle ore 08:00 del mattino con arrivo a Samarcanda alle ore 10:08 locali. La vostra guida avrà i biglietti del treno e vi accompagnerà a bordo del treno. All’arrivo a Samarcanda e prima di fare il check in hotel, vista della città con guida locale in lingua italiana e automezzi privati

I punti salienti della giornata:

Vista di Samarkand

Mausoleo di Gur-Emir

Piazza Registan

Passeggiata nella città vecchia dal Registan alla Moschea Bibi Khanum

Moschea Bibi Khanum

Visita di Samarcanda

La più nota delle città della Via della Seta, favolosa oasi ai margini del deserto del Kyzyl Kum, è stata colonizzata fin dal VI sec. a.C. grazie alla sua posizione nella pianura dove il fiume Zeravshan si riversa dalle montagne del Pamir, Samarcanda divenne un importante crocevia della Via della Seta. Patrimonio dell’Umanità, è definita dall’UNESCO “Crocevia di culture”. È stata visitata nel tempo da molti conquistatori: Alessandro Magno, Gengis Khan e Tamerlano. Alessandro disse di Samarcanda: “Tutto quello che ho sentito dire sulla bellezza della città è vero, tranne che è molto più bella di quanto immaginassi”. Tamerlano ne fece la sua capitale e riunì i migliori architetti, costruttori e artigiani dell’epoca per esaltarne la bellezza.

Mausoleo di Gur-Emir

Il mausoleo di Gur-Emir è l’ultima dimora di Tamerlano, ma fu originariamente costruito per suo nipote dopo la morte di quest’ultimo, a cavallo del XV secolo. L’interno del mausoleo è stato restaurato ed è brillante con foglie d’oro e piastrelle fresche. La cupola centrale, pesantemente dorata, si apre sull’insieme di lapidi che assomigliano a sarcofagi (i corpi si trovano ben al di sotto, ma sono in loco). Tutti sono in marmo, ad eccezione di quello di Tamerlano, che è una lastra di giada massiccia proveniente dalla Mongolia.

Piazza Registan

Piazza Registan è il fulcro di Samarcanda e il punto di riferimento più riconoscibile per i visitatori. Le tre emblematiche madrase incorniciano la piazza e incombono sullo spazio vuoto al centro. È stato questo spazio centrale a dare originariamente il nome al luogo, poiché “registan” significa semplicemente “luogo di sabbia”. Questo luogo sabbioso era al centro dell’antica Samarcanda ed era una piazza pubblica e un mercato prima che venissero costruite le madrase Ulug Bek, Tillya-Kori e Shir Dor. Nella sua ricostruzione, la piazza ha mantenuto la maestosità che ha irradiato nel corso dei secoli.

Passeggiata nella citta Vecchio dal Regista alla moschea di Bibi Khanum

Lasciatevi alle spalle le auto e le strade principali e godetevi invece una passeggiata di mezz’ora in uno dei quartieri più antichi di Samarcanda, tra piazza Registan e la moschea Bibi Khanum. Addentrandosi nelle stradine e nei vicoli stretti, si potranno scorgere i cortili interni delle case locali, incontrare bambini amichevoli e sperimentare la calma di un mahalla tradizionale (quartiere uzbeko) lontano dal frastuono delle principali attrazioni della città. La maggior parte dei residenti del centro di Samarcanda era storicamente di lingua tagica; ancora oggi, la maggior parte di ciò che si sente parlare tra gli abitanti di questo quartiere è Tagiko, non uzbeko o russo.

La moschea di Bibi Khanum

Ammirate l’imponente e bellissima Moschea di Bibi Khanum, costruita da Tamerlano per essere la più grande moschea del mondo islamico e dedicata alla memoria della sua moglie preferita. Per la costruzione della moschea furono chiamati architetti dall’India e dalla Persia e furono utilizzati 95 elefanti per trasportare il marmo e gli altri materiali da costruzione dall’India a Samarcanda. Quando la costruzione della moschea iniziò nel 1399, si spinse oltre i limiti dell’architettura d’avanguardia dell’epoca, con una cupola alta 41 metri e piastrellata di blu e un portale d’ingresso di 38 metri. Tuttavia, gran parte del lavoro fu affrettato e la qualità non era ottimale; non molto tempo dopo il completamento, nel 1404, le tegole e i muri cominciarono a sgretolarsi e l’intera struttura crollò durante un terremoto nel 1897. Alcune sezioni della moschea sono state ricostruite in epoca sovietica e completamente restaurate nel 2007. Oggi Bib Khanum è un luogo tranquillo per la preghiera all’interno della moschea e all’esterno nel cortile verdeggiante. La leggenda dice che le donne sterili che strisciano sotto e attraverso il massiccio leggio del Corano in pietra concepiranno presto.

6 Maggio

Samarcanda

Prima colazione in hotel, intera giornata dedicata alla vista di Samarcanda con guida locale in lingua italiana e automezzi privati

I punti salienti della giornata:

• Museo Afrasiab

Necropoli e complesso di Shah-i-Zinda

Osservatorio di Ulug Bek

Fabbrica di tappeti di seta afgano-uzbeka

Dimostrazione della cottura del pane

Museo Afrasiab

Appena fuori dall’odierna Samarcanda si trovano le colline polverose dell’antica città di Afrosiab, un tempo potente capitale, oggi sito archeologico che custodisce tesori dell’antichità. Gli scavi scientifici qui sono iniziati nel 1800 sotto la dominazione russa e continuano tuttora. In loco si trova il Museo storico di Afrosiab, che ospita manufatti della zona, tra cui ceramiche e piastrelle trovate tra le mura scavate della città.

Necropoli e complesso di Shah-i-Zinda

La fila di tombe e mausolei chiamati collettivamente Shah-i-Zinda, o “luogo del re vivente”, si estende tra il presente e il passato. Di fronte c’è la Samarcanda vivente e alle sue spalle i pendii polverosi ai margini dell’antica Afrosiab. Anche nelle calde giornate estive i mausolei rimangono ombreggiati e freschi e sembrano attirare il viaggiatore ad avvicinarsi alla tomba più antica in fondo. Dietro il complesso, incastonato nella collina, si trova un cimitero attivo con tombe che risalgono al IX secolo e ai giorni nostri.

Osservatorio di Ulug Bek

Pur occupandosi di conquiste, politica e altre questioni di importanza terrestre, il nipote di Tamerlano, Ulug Bek, trovò il suo vero interesse nei cieli. Il re astronomo era affascinato dalle stelle e dal cosmo e costruì uno degli osservatori più avanzati del mondo antico. Le osservazioni, effettuate esclusivamente a occhio nudo, precedevano il telescopio di oltre 150 anni. Le osservazioni furono favorite dall’edificio stesso, che ospitava un grande semicerchio verticale, di cui oggi rimane solo un quarto. Utilizzando metodi accurati, osservazioni rigorose e registrazioni meticolose, Ulug Bek calcolò la durata dell’anno con una precisione di un minuto rispetto al valore moderno. Creò anche il catalogo più completo (fino a quel momento) della volta celeste, guadagnandosi un posto nella storia.

Fabbrica di tappeti di seta afgano-uzbeko

Questa fabbrica di tappeti utilizza tinture vegetali naturali per colorare il filo usato nei suoi tappeti. Visitate i giardini all’esterno della fabbrica dove i tessitori coltivano indaco, coleus e dalie da utilizzare per la tintura

Dimostrazione della cottura del pane

Assistete a una dimostrazione della tradizionale produzione di pane uzbeko. Tradizionalmente chiamato non, il pane uzbeko viene cotto in pagnotte rotonde e piatte in un forno di argilla chiamato tandir. Di solito hanno la forma di un piatto con una depressione al centro e sono decorate con un timbro speciale. Questi timbri, noti come chekich in uzbeko, sono un importante artigianato locale. Sono realizzati in legno con perni metallici disposti a forma di motivo tradizionale (ce ne sono molti).

7 Maggio

Samarcanda – Bukhara

Prima colazione in hotel. Quindi check-out dall’hotel, incontro con la guida e trasferimento alla stazione ferroviaria di Tashkent per la partenza del treno n° 762 Afrosia (alta velocita) delle ore 09:44 del mattino con arrivo a Bukara alle ore 11:25 locali. La vostra guida avrà i biglietti del treno e vi accompagnerà a bordo del treno. All’arrivo a Samarcanda e prima di fare il check in hotel, vista della città con guida locale in lingua italiana e automezzi privati

I punti salienti della giornata:

Visita di Bukhara

Visita della Moschea e del Minareto Kalon

Vista del Bazaar locale

Visita della Moschea Maghoki-Attar

Vista del complesso e della Piazza Lyabi-Hauz

Vista di Bukara

Un’oasi nel deserto, Bukara, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, offre ombra fresca e riposo al viaggiatore moderno come alle carovane di cammelli che percorrevano la Via della Seta centinaia di anni fa. Bukara è antica quanto Samarcanda e ha conservato la sua architettura e il suo design antichi in misura probabilmente maggiore rispetto a quella della città. La Città Vecchia di Bukara ha un’atmosfera unitaria, caratterizzata da una piscina e una piazza centrale, dalla struttura comune dei bazar a cupola e dai principali monumenti che la circondano: il complesso di Kalon, la prigione di Zindan e la cittadella dell’Arca. Bukara è stata il luogo di uno degli episodi più noti (agli occidentali) della storia dell’Asia centrale, la cattura e

l’esecuzione finale nel XIX secolo di due spie britanniche che si spacciavano per esploratori. Erano coinvolti in quello che allora era noto come il Grande Gioco tra Russia e Inghilterra per il controllo dell’Asia centrale e l’accesso all’India. L’ultimo emiro di Bukara era un leader notoriamente brutale e astuto e tenne gli uomini imprigionati a lungo prima della loro esecuzione pubblica. La città era anche un importante centro mercantile dell’ebraismo sefardita. Il termine “ebrei bukhariani” si riferisce a una vasta comunità di ebrei originari della Persia che vivevano nelle terre precedentemente governate dall’emiro di Bukara.

Visita della Moschea e del Minareto Kalon

Visitate Poi Kalon, chiamato anche il Forum di Bukara. Il complesso di Kalon, risalente al XII secolo, che comprende la moschea e il minareto di Kalon e la madrasa Mir-i-Arab, circonda una piazza aperta che brulica di mercanti e venditori locali. Il minareto sovrasta la piazza polverosa, guardando dall’alto di oltre 150 piedi e proiettando la sua ombra tra la moschea e la madrasa. Quattordici fasce di mattoni distinte e uniche circondano la torre a intervalli, e in cima al minareto si presentano in una tradizionale formazione di stalattiti.

Visita del Bazar locale

Passeggiate per il bazar coperto, ammirando profonde pile di vivaci tappeti tessuti a mano, cappelli di feltro, gioielli esotici e splendidi suzani ricamati. Costruito nel XVI secolo per vendere le merci che arrivavano con le carovane, le cupole commerciali ad arco organizzavano la merce e l’artigianato per tipi, oltre a tenere al fresco i commercianti. Sono rimasti quattro dei maestosi mercati a cupola, originariamente occupati da scambi di valuta, oggetti in metallo, tappeti, libri, gioielli e tessuti.

Visita della Moschea Maghoki – Attar

Non lontano dalla cupola commerciale di Sarrafon a Bukhara, la Moschea Magoki Attori fu costruita originariamente nel XII secolo e restaurata nel XVI. Nel 1991, nell’ex moschea è stato allestito un museo dei tappeti che espone esempi di tappeti bukhariani, turkmeni, persiani e caucasici e oggetti decorativi tessuti a mano.

Visita del complesso e della Piazza Lyabi-Hauz

Con l’atmosfera di una vera e propria oasi in una città oasi, la piazza Labi-Hauz si trova al centro della città vecchia di Bukara ed è, come lo è stata nel corso della storia, un luogo dove incontrare gli amici, mangiare, bere e rilassarsi all’ombra. L’atmosfera è rinfrescata dalla lunga piscina rettangolare che costituisce il centro della piazza e dall’ombra degli alberi che la circondano. I gelsi qui hanno centinaia di anni e incorniciano le madrase del XVI e XVII secolo che costituiscono tre dei quattro bordi dell’insieme.

8 Maggio

Bukhara

Prima colazione in hotel Trascorrete la giornata esplorando la città con la vostra guida locale in lingua italiana.

I punti salienti della giornata:

Moschea di Bolo Hauz

• La Cittadella dell’Arca

La prigione di Zindan

Mausoleo di Chashma Ayub

Mausoleo di Ismail Samani

Mausoleo di Bahauddin Naqshband

• Palazzo d’estate dell ‘ultimo Emiro

• Madrassa Chor Minor

Plov Making Demonstration

Moschea di Bolo Hauz

Chiamata la moschea dei quaranta pilastri per il riflesso dei suoi colonnati nella piscina, la moschea fu fondata dall’emiro del XVIII secolo, Shah Murad.

La cittadella dell’Arca

È la fortezza originale di Bukara e risale probabilmente a duemila anni fa o più. La struttura attuale è stata costruita e ricostruita sullo stesso sito nel corso della sua storia e ha conservato qualcosa della forma, dello scopo e della funzione della prima Arca. Come i complessi castellani medievali d’Europa, l’Arca di Bukara serviva agli emiri di Bukara come residenza, sala per le udienze, come protezione dai nemici vicini e per scopi più mondani, come centro commerciale e stazione di polizia.

La prigione di Zindan

Proprio dietro la Cittadella dell’Arca si trova la prigione di Zindan e l’ancor più famigerata “fossa degli insetti” o “buco nero”, la cella in cui furono imprigionati i due britannici Stoddart e Connolly del “Grande Gioco britannico” (Il Grande Gioco fu una rivalità tra l’Impero britannico e quello russo del XIX secolo per l’influenza in Asia centrale) prima della loro esecuzione.

Mausoleo di Chashma Ayub

Non è un vero e proprio mausoleo, ma un qadamjoy, ovvero un luogo visitato da una persona santa. Il profeta coranico Ayub – il profeta biblico Giobbe – avrebbe colpito il suolo con il suo bastone e l’acqua sarebbe sgorgata immediatamente da una sorgente. La parte più antica di questo edificio a più cupole fu probabilmente costruita nel XII sec. Sotto i suoi numerosi tetti si trovano la sorgente sacra e il Museo storico dell’approvvigionamento idrico di Bukara.

Mausoleo di Ismail Samani

Si tratta del luogo di riposo di Ismael Samani, fondatore della dinastia persiana dei Samanidi, risalente al X sec. e sepolto sotto secoli di sabbia, scoperto solo nel XX sec. Pur essendo di dimensioni ridotte, presenta dettagli che non si ritrovano in molti altri monumenti di Bukara. Più di sedici stili di mattoni adornano la facciata di questo monumento cubico, e le loro elaborate pieghe e stratificazioni sono ancora fresche oggi. Dall’interno, il passaggio dalle pareti quadrate al tetto circolare, realizzato con mattoni di forma e dimensioni identiche, testimonia il know-how ingegneristico dei progettisti.

Mausoleo di Bahauddin Naqshband

Bahauddin Naqshband fu un mistico sufi del XIV sec. e fondatore dell’ordine dei sufi Naqshbandi. Il complesso del suo mausoleo si è sviluppato da una semplice tomba sopra la sua tomba a un ostello del XVI secolo per i dervisci in visita, poi a un complesso spirituale nel XVII sec. con l’aggiunta di una moschea nel XVIII sec. Il complesso è stato restaurato nel 1993 per la celebrazione del 675° anniversario della nascita del santo.

Palazzo d’estate dell’Emiro

A poca distanza dalla città si trova il Palazzo della Luna e delle Stelle, o Palazzo estivo dell’ultimo emiro di Bukara. Il palazzo fu costruito per l’emiro all’inizio del secolo, dopo che i russi presero il controllo di Bukara. Il terreno presenta numero piante e le passerelle alberate collegano i vari padiglioni ed edifici. Pavoni selvatici e gallinelle d’acqua passeggiano in questo parco e si pavoneggiano con il loro lungo piumaggio. Il palazzo stesso è una specie di capolavoro, poiché è stato progettato per mantenere l’emiro nel lusso, ma lontano dalla città, isolato e politicamente impotente. Il palazzo si affaccia su una grande vasca riflettente, a sua volta sovrastata da una piattaforma sulla quale l’emiro poteva rilassarsi.

Madrasa Chor Minor

Risalente all’inizio del XIX sec., i cui quattro minareti slanciati e dalle cime blu da qui il nome.

Preparazione del Plov Uzbeko

Il Plov è un piatto onnipresente in Asia centrale, presente nella cucina di tutti i Paesi della regione. In Uzbekistan è celebrato e considerato il piatto nazionale. Il plov uzbeko è a base di riso, carne, carote, cipolle e cumino, ma le varianti e le aggiunte sono pressoché infinite e variano da città a città e persino da famiglia a famiglia. Cena presso ristorante locale con dimostrazione di preparazione e cottura del Plov.

9 Maggio

Verso Khiva attraverso il deserto

Dopo la colazione in Hotel partenza con la guida in lingua italiana e automezzo privati per l’attraversamento del deserto. Il viaggio durerà circa sette ore. All’arrivo, se le energie ve lo consentiranno, si può fare il check-in in hotel e poi fare una breve passeggiata nel centro storico della città di Khiva.

I punti salienti della giornata:

Deserto di Kyzyl Kum

Visita di Khiva

• Vista serale della Citta Vecchia

Deserto di Kyzyl Kum

È l’11° deserto più grande del mondo, con una superficie di 298.000km2 che attraversa i paesi dell’Uzbekistan, del Kazakistan e che tocca parte del Turkmenistan. Si estende tra i fiumi Amu Darya e Syr Darya dell’Asia centrale. Gran parte dell’Uzbekistan e parti del Kazakistan e del Turkmenistan sono ricoperte dalle dune e dalla scarsa vegetazione di questo deserto. Sia l’Amu Darya che il Syr Darya sfociavano nel Mare d’Aral e la loro deviazione per l’irrigazione del cotone ha contribuito alla scomparsa del mare.

Visita dell’oasi di Khiva

La leggenda narra che l’oasi, sulla Via della Seta, fu fondata nel luogo in cui Shem, figlio di Noè, scoprì l’acqua nel deserto. Oggi la città vivente è in parte una città museo, in parte una ricostruzione della vita di centinaia di anni fa. Gli archeologi hanno trovato tracce di abitazioni umane intorno a Khiva che risalgono al V sec. a.C. Per centinaia di anni è stata una tappa dell’antica Via della Seta e una città-fortezza, ma solo nel XVI sec. Khiva è diventata la capitale del khanato di Khorezm che governò l’area circostante per oltre 300 anni.

10 Maggio

Khiva

Prima colazione in hotel. Giornata a disposizione per la visita della città con la guida locale in lingua italiana

I punti salienti della giornata:

Visita di Ichon-Qala, la città vecchia di Khiva

Complesso Islamico di Khoja, Madrasa & Minareto

Moschea di Juma

Il minareto di Kalta Minor

La fortezza di Kunya Ark

Il Palazzo Tash-Hauli

Il mausoleo di Pahlavan Mahmud

Visita di Ichon-Qala, la città vecchia di Khiva

La città vecchia di Khiva è stata ampiamente conservata e restaurata ed esiste oggi come centinaia di anni fa. Avvicinandosi alla città vecchia, i viaggiatori si trovano di fronte allo stesso spettacolo delle carovane della Via della Seta: le mura di cinta di colore marrone, la porta principale che si apre su una polverosa strada di pietra, i mercanti che vendono le loro merci da ogni lato e i caratteristici minareti che sorvegliano l’intera scena. La Città Vecchia, cinta da mura, era un’entità indipendente e sede del Khanato di Khiva. Il più grande degli edifici esistenti è il Palazzo Tash Hauli, la casa del Khan e delle sue quattro mogli legali. Le intricate piastrelle bianche e blu della sala del trono all’aperto compensano lo spazio arioso riservato dalle colonne di legno intagliato. L’intaglio del legno è una specialità tradizionale di Khiva e altre colonne di legno si trovano nella Moschea Juma. La moschea si trova parzialmente sotto il livello del suolo e le 115 colonne intagliate

che sostengono il soffitto in legno creano un effetto simile a una foresta intorno a due pozzi di luce quadrati. La fortezza Kunya fu originariamente costruita nel XII sec. come residenza del khan, e comprendeva numerosi piccoli cortili circondati da edifici amministrativi, alloggi, cucine, guardiole, scuderie, aree di parata e roccaforti per le armi. Gran parte di essa andò perduta quando la Persia invase il Khanato di Khivan nel XVIII sec., ma ciò che rimane, tra cui la moschea, l’harem e la sala del trono, sono splendidamente decorati con piastrelle di ceramica e maioliche. Ci sono diversi luoghi che offrono una vista aerea della città, e da qualsiasi balcone del terzo o quarto piano i minareti unici con le loro piastrelle blu-verdi sovrastano le cupole, i muri di mattoni di fango e l’atmosfera tranquilla di questa città-museo.

Complesso Islamico di Khoja, Madrasa & Minareto

Costruita nel 1910, questa madrasa prende il nome dal gran visir Islam Khoja, che all’inizio del XX secolo portò in città la tecnologia del telegrafo a lunga distanza, nonché la prima scuola e il primo ospedale in stile europeo di Khiva. Il complesso, benché piccolo rispetto alle altre madrase della città, è uno dei siti più importanti di Khiva grazie al suo imponente minareto, che con i suoi 187 piedi di altezza è il più alto dell’Uzbekistan. Rivestito di piastrelle smaltate di turchese e rosso e coronato da terminali a forma di stalattite, il minareto è un luogo popolare durante le prime ore del mattino e nelle ore del tramonto, quando i visitatori tentano di salire le scale fino alla cima per godere di una splendida vista sulle piazze polverose e sugli edifici cotti dal sole dell’Ichon Qala

Mosche di Juma

L’intaglio del legno è una specialità tradizionale di Khiva e le colonne di legno filigranato si trovano nella Moschea Juma. La moschea si trova parzialmente sotto il livello del suolo e le 115 colonne intagliate che sostengono il soffitto in legno creano un effetto simile a una foresta intorno a due pozzi di luce quadrati.

Il Minareto di Kalta Minor

Appena fuori dalla Madrasa di Muhammad Amin-Khan si trova il Kalta Minor, o “minareto corto”, una descrizione appropriata per questa struttura insolitamente robusta e dalla cima piatta. Iniziata nel 1851, la torre turchese fu costruita per ordine di Muhammad Amin-Khan, il sovrano del khanato locale di Khivan, che secondo la leggenda voleva erigere un minareto così alto da poter vedere fino a Bukara. Purtroppo il suo ambizioso progetto non fu mai portato a termine: il Kalta Minor rimase incompiuto dopo la morte improvvisa del khan nel 1855. Nonostante il suo stato attuale, il minareto, splendidamente progettato, fa mostra di sé tra gli edifici in mattoni di fango di Khiva, scintillando con le sue splendide fasce di maioliche blu brillante.

La Fortezza di Kunya Ark

L’Arca Kunya fu originariamente costruita nel XII secolo come fortezza e residenza del khan, e comprendeva numerosi piccoli cortili circondati da edifici amministrativi, alloggi, cucine, guardiole, scuderie, aree di parata e roccaforti per le armi. Gran parte di essa andò perduta quando la Persia invase il Khanato di Khivan nel XVIII sec., ma ciò che rimane, tra cui la moschea, l’harem e la sala del trono, è decorato con piastrelle di ceramica e maioliche.

Il palazzo Tash-Hauli

Il più grande degli edifici esistenti nell’Ichon Qala è il Palazzo Tash-Hauli, antica dimora del khan e delle sue quattro mogli legali. Costruito tra il 1832 e il 1841, il palazzo fu progettato per sostituire in modo più sontuoso il Kunya Ark e comprende 150 stanze che circondano nove cortili. Il palazzo comprende una sala del trono,

una sala per cerimonie con basi in mattoni per le yurte e gli alloggi dell’harem personale del khan, decorati con piastrelle bianche e blu, colonne in legno e intricati intonaci intagliati e dipinti, noti come ganche.

Il mausoleo di Pahlavan Mahmud

Costruito nel 1810 per onorare il patrono di Khiva, Pahlavan Mahmud, poeta e lottatore morto nel XIV sec. e che si pensa sia sepolto qui. La sua cupola turchese è diventata un simbolo di Khiva, insieme al vicino minareto Islam Khoja, a fasce di colore blu scuro e chiaro.

11 maggio

Khiva – Urgench – Tashkent

Prima colazione in hotel, check-out e partenza per l’aeroporto di Urgench in tempo utile per il volo Uzbekistan Airlines HY 52 delle ore 09:35 locali per Tashkent. Arrivo alle ore 10:55 locali e proseguimento per l’escursione (90 km) ai monti Chimgan e al Lago Charvak. Al termine rientro in albergo e pernottamento.

12 maggio

Tashkent – Milano

Prima colazione in hotel, quindi check-out e partenza per l’aeroporto di Tashkent in tempo utile per la partenza del volo di linea Turkish Airlines TK 369 delle ore 09:00 locali diretto per Istanbul. Arrivo alle ore 12:15 e coincidenza con volo di linea Turkish Airlines TK 1875 delle ore 16:30 locali diretto per Milano. Arrivo all’aeroporto di Malpensa alle ore 18:20 locali e termine dei servizi.

Quota di partecipazione

Quota di partecipazione: 3300 €

Supplemento camera singola: 520 €


Il viaggio è per un massimo di 10 partecipanti

OPERATIVO VOLI

I voli del nostro viaggio

2 Maggio TK1876    Milano Malpensa – Istanbul 19:45 – 23:40

3 Maggio TK 368  Istanbul – Tashkent 00:55 – 07:20

12 Maggio TK 369 Tashkent – Istanbul 09:00 – 12:15

12 MaggioTK1875  Istanbul – Milano Malpensa 16:30 – 18:20

LA QUOTA COMPRENDE

Cosa è compreso nei costi di viaggio

*Volo  in classe economica con voli di linea Turkish Airlines + Tasse aeroportuali

*Franchigia bagaglio in stiva di  1 valigia dal peso massimo di 23kg

*Franchigia bagaglio a bordo di 1 bagaglio standard (55x23x40) e 1 bagaglio con effetti personali (33x16x43).

*Tutti i pernottamenti in camera doppia.

*Trasporto, incluso carburante, per tutta la durata del viaggio

*Treni e voli interni + trasferimenti in aeroporti e stazioni con mezzi privati

* Tutti gli ingressi alle attrazioni in programma

*Assicurazione medico-bagaglio

*Guida locale parlante italiano

* Colazioni in albergo

 

LA QUOTA NON COMPRENDE

Cosa non è compreso nei costi di viaggio

*Pranzi, cene, bevande
*
Assicurazione annullamento operante anche in caso di epidemie o malattie pandemiche diagnosticate come, ad esempio il Covid- 19, e di malattie preesistenti. Da stipulare al momento della sottoscrizione al viaggio € 210,00 a persona in camera singola

*Mance ed extra personali

*Tutto quanto non espressamente indicato in “la quota comprende”

 

TOUR OPERATOR

INTERTRAVEL COMPANY SRL

Il programma di seguito riportato corrisponde a un viaggio prodotto, organizzato e gestito in ogni suo aspetto dal Tour Operator Intertravel (INTERTRAVEL COMPANY SRL – Via de Lamberti 39/41r 50123 Firenze – P. Iva 00345390488– Iscrizione al Registro Imprese di Firenze REA FI 120692 . I dettagli del viaggio sono riportati su questo sito in nome e per conto di Intertravel che sarà l’unico referente per le adesioni e il pagamento dei servizi di seguito riportati.

INFO E PRENOTAZIONI

Unisciti a noi.

Privacy

7 + 9 =